Francesco Cardella, la truffa è bella  ... 

Share |

Link utili 

Francesco Cardella, il pluripregiudicato ex coordinatore della Comunità Saman, è diventato ambasciatore del Nicaragua. Titolo consegnatigli personalmente da Daniel Ortega, oggi presidente di quel ridente Paese centramericano e fino all’altro ieri capo dei guerriglieri marxisti del Fronte sandinista di liberazione nazionale.

Ambasciatore in Arabia Saudita, nel Maghreb e - per colmo dei colmi, e ironia della sorte - con delega ai rapporti economici con l’Italia. Era un avanzo di galera, Cardella. Finisce che se va a Palazzo Chigi dovranno scappellarsi davanti alla sua barba e ai suoi baffi da bucaniere.

Il guru della comunità “Saman”, l’uomo che la magistratura accusò di aver fatto ammazzare Mauro Rostagno, icona della sinistra ai tempi di Lotta continua e di Adriano Sofri, è tornato far parlare di se ma per poco, ed ora è morto..
Editore porno, discepolo arancione alla corte del Bagwan Rajneesh prima di mettersi in proprio, imbroglione per vocazione, grande affabulatore, affarista all’ingrosso, biscazziere e gran protagonista alla corte di Craxi, quando i socialisti contavano ancora qualcosa. Ecco: questo, e molto altro ancora, è stato Cardella.

«È finito tutto da tanto tempo, la morte di Cardella non m'interessa», dice secca al telefono Chicca Roveri, che pure forse sa che a Managua oggi esiste un bambino di nome Mauro, figlio di Cardella e della sua terza moglie, Elizabeth Hodgson, un bimbo che si chiama come Mauro Rostagno, il marito di Chicca, l'ex leader di Lotta Continua ucciso in Sicilia nell'88.

01 dicembre 1996

04 novembre 2009

25 maggio 1997

23 luglio 1996 

14 aprile 1995

19 settembre 2010

10 dicembre 2007

08 ag osto 2011

pagina in costruzione 

Make a Free Website with Yola.