chi siamo, cosa vogliamo: presentazione

Poche parole per dire che siamo un gruppo di donne e di uomini accomunati dal desiderio di riordinare il grande caos creato ad arte, in questi ultimi decenni,  forse con l’obbiettivo di confondere le idee a quanti sono alla ricerca di dati inoppugnabili, di fatti, e non di chiacchiere opportuniste.

Persone con l’indole bibliotecaria, ci hanno definito. Ma a noi piace pensarci anche diversamente.

Persone alle quali sta a cuore la verità storica, individui che amano la libertà sopra ogni cosa, uomini e donne che non dimenticano e non vogliono dimenticare, perché guardare avanti presuppone che non ci si dimentichi da dove si proviene.
Alcuni di noi sono stati rinchiusi nelle strutture di cui si parla, mentre altri no. Alcuni sono parenti di chi vi ha passato qualche anno e poi è tornato a casa. Altri sono parenti - figli, fratelli, madri e padri - di chi a casa non è mai tornato, perché ucciso o suicidato in seguito al “trattamento rieducativo” che gli era stato somministrato.

In questi decenni sono cambiate molte cose, ma soprattutto è cambiata la possibilità di comunicare.
Il destino ci ha fatto quindi ritrovare sulla strada del web e in questa strada, che ci permette di condividere finalmente i nostri obbiettivi, le nostre idee, i nostri sogni e i nostri cari, intendiamo restare.

Abbiamo aperto due spazi di condivisione, il blog e il forum. Se vuoi partecipare a questa iniziativa anche solo per dirci la tua, e se non hai pregiudizi nei confronti della verità, sei il benvenuto.


La Mappa Perduta

Nello slide qui a destra i link delle pagine dei ragazzi che da
San Patrignano non sono più tornati,
perchè uccisi o suicidatisi in seguito alle percosse
a cui erano sottoposti da mesi.

 
Make a Free Website with Yola.